Comunicato stampa: Ottenuto finanziamento regionale a fondo perduto

A due anni e mezzo dalla nascita del consorzio Vivi Terme, Centro Commerciale Naturale di Terme Vigliatore, è stato raggiunto un grande obiettivo, l’ottenimento di un finanziamento regionale totalmente a fondo perduto, riguardante i fondi europei della programmazione “PO FERS Sicilia 2007/2013”, di Euro 356.819,92.
Il centro commerciale naturale Vivi Terme, presieduto da Gianlombardo Benedetto, giovane imprenditore operante nel settore della ristorazione e dell’artigianato dolciario, ha dunque ottenuto un concreto ed importante traguardo, che senza alcun dubbio sarà il primo e vero punto di partenza per i pubblici esercizi di Terme Vigliatore, che acquisendo importanti strumenti strutturali e commerciali, possono divenire un vero centro organizzato per l’accoglienza di tutti i propri utenti e clienti.
Ad essere beneficiati dai fondi strutturali Europei sono stati “in primis” il Consorzio che ha presentato il proprio progetto, e 15 delle 38 imprese aderenti.
“Condicio sine qua non” per l’ottenimento del contributo a fondo perduto è che le imprese beneficiate dovranno impegnare un investimento, quota parte, di 713.639,84 Euro, investimento che dovrà essere eseguito e regolarmente liquidato con giuste fatture e bonifici ai fornitori, è evidente che per la cittadina termale sarà una grande boccata di ossigeno. A consuntivo di ciò ed in forza del decreto n. 1000/08 del 9 Maggio 2014 dell’Assessorato Regionale alle Attività Produttive, saranno erogati i contributi a fondo perduto ad ogni singola impresa ed al consorzio.
Di seguito elenchiamo i nomi delle ditte beneficiate, che hanno presentato istanza a fronte di un progetto di investimento:

Bisignani Graziella – Primo Fiore € 24.977,11
Boutique Davì di Torre Davide € 20.415,00
Calabrò Giuseppe  Officina Meccanica €  24.984,72
Croce d’Oro San Francesco € 18.624,00
Edilcasa Tirrenica srl € 25.000,00
Farmacia delle Terme – dr. Santi La Maestra € 25.000,00
F.lli Saitta € 24.875,00
Lo Monaco Domenico € 25.000,00
Melinvest srl € 25.000,00
Mirabile Antonino € 10.910,00
Patanè Gioielli srl € 23.744,78
Principato & Materia srl € 23.675,00
Re Gia snc di Recupero Giuseppe e Gianlombardo Benedetto € 24.500,00
Schepis Giovanna – Mareblù € 10.139,31
Termegrafica € 24.975,00
Consorzio Vivi Terme € 25.000,00

I progetti di investimento delle singole imprese comporteranno in ordine sparso: ristrutturazione di immobili, ammodernamento di arredi, acquisto di beni strumentali di impresa, impianti elettrici e di video sorveglianza, campagne pubblicitarie e di marketing su web, tv e radio, acquisto di software gestionali e per la fidelizzazione della clientela.
Il progetto del Consorzio C.C.N. Vivi Terme invece verterà, come da protocollo imposto dal bando regionale, solo su investimenti per la pubblicità congiunta, eventi e manifestazioni pubbliche, sistemi integrati e in rete per la fidelizzazione e comunicazione con gli utenti/clienti del C.C.N., ed infine attrezzature software per la gestione e lo sviluppo della rete tra le imprese e i fornitori, per favorire gli acquisti di beni materiali e di servizi, in comune, al fine di conseguire un considerevole abbattimento dei costi di ogni singola impresa associata.
Il progetto presentato presso la Regione Siciliana a firma del Presidente Gianlombardo Benedetto, è stato redatto ed interamente coordinato dai dottori commercialisti e consulenti di impresa Carmelo Imbesi e Sergio Amato, associati dello Studio Area Finanza.
Il consorzio Vivi Terme altresì plaude e ringrazia la precedente amministrazione comunale di Terme Vigliatore, in particolare per l’attività politica svolta dall’assessore alle Attività Produttive Luigi Bruno Crisafulli, che nel 2011 ha individuato la mappa territoriale utile a far nascere un Centro Commerciale Naturale, l’area di un Km quadrato che si espande attorno alla nuova Piazza Municipio, e conseguentemente all’approvazione della mappa, con giusta delibera, dal Consiglio Comunale, egli ha coordinato l’iter burocratico per l’accreditamento della stessa (area) presso la Regione Siciliana, anche con impegno dell’Ufficio Commercio del Comune di Terme Vigliatore.
Ciò ha reso possibile alle imprese commerciali avente sede operativa nella suddetta area, di poter fondare il consorzio ed accreditarsi presso la Regione Siciliana come Centro Commerciale Naturale.
La regione richiedeva la nascita di un consorzio con almeno 20 imprese,
Vivi Terme è stato fondato da ben 38 imprese e 2 Associazioni.

Infine si vuole sottolineare, in questi due anni di attività, l’impegno dell’organismo direttivo, costituito dai primissimi fondatori e promotori del consorzio: Lucia Buemi, Santina Sottile, Patanè Antonello, Pippo Saitta, Santi La Maestra, Giambra Pierangelo, Salvatore Parisi ed Imbesi Maria, che insieme al presidente Gianlombardo hanno portato avanti numerose, piccole ma importanti iniziative, tutte visibili sulla pagina web “viviterme.it”. Iniziative realizzate grazie al mero autofinanziamento interno, richiedendo a tutti i soci il contributo economico minimo previsto dallo statuto, per la quota annuale di gestione.
“Oggi è una grande opportunità riuscire ad attrarre i Fondi Europei per qualsiasi impresa ( dichiara Gianlombardo ), è chiaro che con questo grande investimento si getteranno le basi concrete per costruire un associazionismo organico, strutturato e moderno tra le imprese, al fine di rilanciare seriamente il settore del commercio a Terme Vigliatore, un comparto spesso trascurato, ma che è importantissimo per la crescita economica di qualsiasi comunità”…. “si pensì ad uno solo dei tanti aspetti che confermano ció: le singole imprese associate a Vivi Terme danno lavoro a circa 250 collaboratori, tutti assunti con contratti regolari coperti da assicurazioni Inps ed Inail”.
“Il futuro si crea con il lavoro, quello vero, con la dignità contributiva e degli emolumenti… il precariato sta creando solo una involuzione storica; bisogna che imprese, pubblica amministrazione e lavoratori, siano uniti e coesi al fine di difendere e sostenere le realtà che già danno posti di lavoro e che possono continuare a crearne altri”.

Foto di gruppo direttivo Centro Commerciale Naturale Vivi Terme di Terme Vigliatore